You are here: Home » Economia » Esaudire i propri sogni facendo richiesta ai prestiti veloci

Esaudire i propri sogni facendo richiesta ai prestiti veloci

Ognuno ha il proprio sogno nel cassetto e deve riuscirlo ad esaudire. Proprio per questa ragione la mancanza di soldi non dovrebbe essere di ostacolo perché al giorno d’oggi esistono tante soluzioni come ad esempio i prestiti veloci.

Ecco cosa non sottovalutare in un finanziamento

Prima di far richiesta di un finanziamento bisogna tener conto dei tassi d’interesse, delle spese della pratica e di gestione e delle clausole di sotto-contratto. In tal proposito bisogna farsi fare dei preventivi da piu’ istituti e valutare quale sia il migliore per le nostre esigenze.

  • Il TAN (tasso annuale nominale) rappresenta quella percentuale che viene applicata alla somma del capitale finanziato che poi servirà per determinare la rata di rimborso;

  • Il TAEG (tasso annuale effettivo globale) è quella percentuale che determina le spese di eventuali oneri accessori a carico del cliente (ad esempio le spese di istruttoria);

La velocità di accettazione della richiesta dipende maggiormente dall’importo infatti piu’ è alto e piu’ sarà l’attesa. La soluzione migliore è quella di effettuare tutto online anziché rivolgersi in una filiale.

Cosa succede se si salta una rata?

Non sempre si riesce ad essere puntuali con il pagamento della rata del finanziamento. Nel caso in cui si salti almeno una rata si corre il rischio di rescindere il contratto con l’istituto di credito e il cliente verrà subito segnalato come cattivo pagatore e dovrà farsi carico di una penale, oltre che essere contattato dal recupero crediti.

E’ possibile estinguere prima il debito?

Di solito è possibile estinguere anticipatamente il prestito. Proprio per questa ragione, nel caso in cui si abbia fatto richiesta di un prestito di 120 mensilità, chiudendolo entro i primi tre anni si riuscirebbe ad avere un vantaggio considerevole riguardo ai tassi d’interesse applicati.

Prima di procedere però sarà oppurtuno chiedere all’isituto a cui ci si è affidati come procedere in tal proposito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *